VOCI IN COMMEDIA, laboratorio con Rosaria Lo Russo DAL VIVO, domenica 14 novembre h 10/17 Laboratorio di lettura e ascolto sull’Inferno di Dante Alighieri nell’ambito del progetto LA POESIA NELLA VOCE. Da Dante al Poetry Slam, realizzato con il contributo di Fondazione della Comunità di Monza e Brianza onlus

Leggi di più

AD ALCUNI PIACE LA POESIA 2021 | VI FESTIVAL INTERNAZIONALE DI POESIA Venerdì 8 ottobre - Centro Polifunzionale "Ex Consorzio" di San Leonardo Valcellina (Pn) in via Cesare Battisti ore 18.00 Letture poetiche di Gabriella Musetti, Andrea Franzoni, Marina Gogu Grigorivna ore 18.45 Intermezzo musicale a cura di Ludovica Borsatti (fisarmonica) ore 19.00 "Voci in Comedia. Lectura dantis" di Rosaria Lo Russo

Leggi di più

26 settembre , XIV edizione di Archivio Aperto: "Patrizia Vicinelli- In Transito" 26 settembre ore 16:30 Villa Aldini - Bologna, nell’ambito della rassegna Inosservanza curata della compagnia teatrale Archivio Zeta: all’incontro, a cura di Lorenzo Mari, traduttore e poeta, e Beatrice Seligardi, studiosa di letterature comparate, parteciperanno il poeta Alberto Masala e le poete Loredana Magazzeni e Rosaria Lo Russo.

Leggi di più

12 settembre ore 17:00Castello dei Conti Guidi, Salone delle Feste, POPPI (AR) In occasione delle celebrazioni per i settecento anni dalla morte di Dante, la Regione Toscana e il Comune di Poppi, l’Associazione Culturale La Nottola di Minerva e Giunti Editore presentano la rassegna Contemporaneamente le parole di Dante: Performance Letteraria e sonora Intervengono i Poeti: Elisa Biagini, Giuseppe Conte, Paolo Fabrizio Iacuzzi, Rosaria Lo Russo, Denata Ndreca e Davide Rondoni. Incursioni sonore a cura della Compagnia Ball Percussion. Letture delle parole chiave e modi di dire Danteschi di Federica Miniati e Francesco Gori. Modera Raffaele Palumbo

Leggi di più

“Licenze poetiche: XX Festival Internazionale di poesia aggiornata”, organizzato da Alessandro Seri e Licenze Poetiche.

Leggi di più

Una rassegna tradizionale dell'Estate fiorentina che, accanto all'incontro con numerosi poeti italiani e stranieri, di diversa generazione, propone momenti importanti della poesia moderna, tra Biblioteca delle Oblate e vari altri luoghi, anche periferici.

Leggi di più

"Licenze poetiche: XX Festival Internazionale di poesia aggiornata" organizzato da Alessandro Seri e Licenze Poetiche.

Leggi di più

Questo libro schiude un cassetto magico delle idee, tensioni e passioni di una lettrice d’eccezione. In Figlia di solo padre la voce di Rosaria Lo Russo illumina i passaggi di un percorso personale mai chiuso al confronto collettivo, e si affianca alle vocalità di altre scrittrici che, nel tempo, hanno sfidato l’orizzonte discorsivo del patriarcato autoriale. È un tema mai concluso, quello dell’autorialità femminile. In questi scritti, così amorevolmente composti, Lo Russo esegue una generosa regia interpretativa, stendendo un bandolo di visioni e affinità testuali.

Leggi di più

Il libro della follia è la prima traduzione integrale in italiano della prima edizione di The Book of Folly, che Anne Sexton diede alle stampe nel 1972. Qui lo stile confessional, che aveva reso celebre l’autrice, fruttandole alla fine degli anni sessanta il prestigiosissimo Pulitzer Prize, giunge alla piena maturità, trasformando il teatro confessionale dell’io lirico nel Gran Teatro psichedelico delle allegorie transpersonali. La Signora Benestante che scrive occasionalmente versi rispettando le forme metriche lascia il posto, definitivamente e consapevolmente, al personaggio della Poetessa Martire della società benpensante, e all’aspirante suicida, ma non prima di aver effettuato il rovesciamento parodico dei valori patriarcali, accostando l’alto senso del tragico all’ironia e alla caricatura, la metafora lirica al sarcasmo più candidamente blasfemo.

Leggi di più

Il libro della follia è la prima traduzione integrale in italiano di The Book of Folly, che Anne Sexton diede alle stampe nel 1972. Lo stile confessionale che aveva reso celebre l’autrice, fruttandole nel 1967 il premio Pulitzer, giunge qui alla piena maturità trasformandosi nell’allegoria di un Gran Teatro psichedelico. La Signora Benestante che scrive occasionalmente versi rispettando le forme metriche lascia il posto, definitivamente e consapevolmente, al personaggio della Poetessa Martire della società benpensante e all’aspirante suicida, in un rovesciamento parodico dei valori patriarcali, accostando l’alto senso del tragico all’ironia e alla caricatura, la metafora lirica al sarcasmo più blasfemo. Nell’unico libro in cui Anne Sexton, diversamente femminista e profeta di tempi peggiori, sperimenta con la prosa, inscenando in tre “storie” l’anoressia, il femminicidio e il suicidio-della-poetessa, assistiamo al crollo delle fondamenta dei luoghi comuni e dei riti borghesi e religiosi del puritanesimo statunitense.

Leggi di più