“Libro della follia” di Anne Sexton. Traduzione di Rosaria Lo Russo


Da oggi, 27 maggio 2021, disponibile in libreria il “Libro della follia” di Anne Sexton con la traduzione di Rosaria Lo Russo


Prima traduzione integrale in italiano di The Book of Folly, che Anne Sexton diede alle stampe nel 1972. Lo stile confessionale che aveva reso celebre l’autrice, fruttandole nel 1967 il premio Pulitzer, giunge qui alla piena maturità trasformandosi nell’allegoria di un Gran Teatro psichedelico. La Signora Benestante che scrive occasionalmente versi rispettando le forme metriche lascia il posto, definitivamente e consapevolmente, al personaggio della Poetessa Martire della società benpensante e all’aspirante suicida, in un rovesciamento parodico dei valori patriarcali, accostando l’alto senso del tragico all’ironia e alla caricatura, la metafora lirica al sarcasmo più blasfemo. Nell’unico libro in cui Anne Sexton, diversamente femminista e profeta di tempi peggiori, sperimenta con la prosa, inscenando in tre “storie” l’anoressia, il femminicidio e il suicidio-della-poetessa, assistiamo al crollo delle fondamenta dei luoghi comuni e dei riti borghesi e religiosi del puritanesimo statunitense. Con una scrittura più vicina a quella delle canzoni rock che alla poesia sua contemporanea, la lingua inconfondibile della Follia di Anne Sexton ha influenzato, per stile e tematiche, non solo la poesia successiva americana e poi internazionale, ma anche la scrittura di divi del pop rock come Peter Gabriel e Kate Bush.
Rosaria Lo Russo


“Chiedo a uno se ha da accendere.

Ce l’ha. Il fiammifero struscia,

mi sporgo verso il suo rossore.

Ancora vedo doppio. Sono molto

distante, ma nessuno se ne

accorge. Continuo a ingannarli.

Forse pensano che sono ubriaca”

“Il libro della follia” dal 27 maggio in libreria